lunedì 22 marzo 2010

Treccione salato








Ho rubacchiato la ricetta dal blog di Ramona. E' una ricetta che ho voluto fare appena l'ho vista per cena insieme alla mia insalata preferita, l'iceberg, anche se dovevo studiare per il compito di matematica dell'indomani. Prima mi sono dedicata al piacere e poi al dovere ;p La mia famiglia è stata ben felice di vedere sul tavola questa bella trecciona grande con ripieno vario. E' molto morbida grazie al fatto che nell'impasto al posto dell'acqua ho messo il latte. Questa è una ricetta che dovete assolutamente provare.



INGREDIENTI:

450gr. di farina 00
250gr. di latte
6 cucchiai di olio
25gr. di lievito di birra
un pizzico di sale
2 cucchiai di zucchero

PROCEDIMENTO:

In un recipiente abbastanza capiente mettere la farina setacciata. Formare un buco al centro della farina. Al centro della farina mettere il latte tiepido precedentente riscaldato in cui avrete disciolto il lievito e lo zucchero. Aggiungere inoltre l'olio.



Iniziare ad impastare con un cucchiaio. Quando l'impasto inizia ad ossorbire i liquidi aggiungere il sale.



Impastare a questo punto con le mani in una spianatoia ben infarinata. L'impasto risulterà morbido ed elastico.



Dividere il panetto ottenuto in 3 parti uguali.



Sulla spianatoia infarinata e con un mattarello stendete ogni pallina dandogli una forma il più possibile regolare a formare un rettangolo lungo di pochi millimetri.



Io ho fatto per ogni pallina un ripieno diverso:


PROSCIUTTO COTTO E MOZZARELLA A FETTE



SALAME prodotto da noi  E MOZZARELLE A FETTE



PANCETTA AFFUMICATA E MOZZARELLA A DADINI



Arrotolate ogni impasto steso e farcito a rotolo richiudendo bene i bordi.



Trasferire i rotoli d'impasto in un vassoio grande infarinato per facilitare l'intrecciatura oppure su un tavolo ben infarinato.



Unite tutti e tre i rotoli d'impasto in cima.



Ponete il 3 sopra l'uno e il 2 sopra il 3.



Ponete l' 1 sopra il 2.



Poi il 3 sotto il 2 e così via fino a formare una treccia.



Mettere in una teglia rivestita di carta forno. Coprire con una tovaglia pulita e lasciar lievitare per circa 2-3 ore.



Una volta lievitato spennellare con un pò di uovo sbattuto.



Infornare a 180° per circa 40 minuti in forno ventilato. Potete ovviamente cuocere anche a forno statico a 180° fino a quando vedrete la superfice dorata. Se notate che di sotto sta bruciando accendete solo la parte superiore del forno.



Ecco la foto dell'interno e del suo ripieno vario.

15 commenti:

  1. Ti è venuto benissimo Mimì! vedrai che il compito andrà bene! A volte serve staccare con qualcosa che ci piace fare e cosa c'è di meglio della cucina? :)

    RispondiElimina
  2. bello............giorni fa ci avevo provato anch'io a fare una cosa del genere ma....lasciamo stare............

    RispondiElimina
  3. oh mamma quel ripieno è violentemente gustoso!!!

    RispondiElimina
  4. Spiegazione perfetta, bontà sicura, complimenti

    RispondiElimina
  5. Ma che bontà! Complimenti mimì!

    RispondiElimina
  6. Bravissima mimi....x caso quel salame è la nduja?? io quando sono stata in calabria l'ho mangiata(x sbaglio) era spalmata su una bruschetta e credevo fosse pomodoro, ma quando mo addentato sono andata a fuoco =))
    cmq lo rifarò presto...ho proprio voglia di una cosina sfiziosa cosi :)

    RispondiElimina
  7. X fra: il compito è andato abbastanza bene fiù meno male :) eh si la cosa che più ci piace fare è cucinare. E' vero non c'è niente di meglio per staccare la spina dagli altri impegni ;)

    X fabiola: che cosa è andato male? :(

    X Cuochella: il ripieno è stato un boom di gusto. Ma anche l'impasto era eccezionale, era veramente molto morbido sai?!

    X Antonella: bè cerco di spiegare le ricette in maniera più semplice che riesco perchè odio quelle spiegazioni vaghe che una quando legge prima di provarla una ricetta deve interpretare quei paroloni che si trovano per esempio nei libri di cucina. Stai sicura la riuscita è garantita. Grazie per i complimenti ;)

    X veronika: Grazie Veronika. è una vera bonta sembra una briochina con ripieno.

    X Claudia: NO non è nduja, è normale salame, l'abbiamo fatto con poco peperoncino a causa mia. Vedi io sono calabrese, però sarò l'unica ma non riesco a mangiare cose piccanti, sento anche quando c'è un punta di peperoncino. Purtroppo ahimè devo vergognarmene ma sono una calabrese che non mangia la tipica nduja o peperoncino :( :(

    RispondiElimina
  8. brava mimì per la treccia e per come hai spiegato la ricetta!!!un bacione, ciao!

    RispondiElimina
  9. grazie Malù..sono contenta ti piaccia la ricetta e il mio modo di spiegare :)

    RispondiElimina
  10. MMM ;)) GNAMM SEMBRA BUONAA!! la proverò domani ;))

    RispondiElimina
  11. Mamma mia Mimì!!! mi ero persa questa bontà!!!
    Ma tu hai provato la treccia che sta nel libro base del bimby? è uguale?

    RispondiElimina
  12. puoi anche impastarla col bimby perchè no. Non so se la ricetta del bimby è la stessa perchè non utilizzo mai il ricettario, però se vuoi risparmiare tempo ed energie impasta con il bimby usando il procedimento che trovi nel ricettario usando le dosi della mia ricetta. Se lo provi mi aspetto di sapere se vi è piaciuto a casa ;)

    RispondiElimina
  13. non avevo mai visto un treccione così.... spero non ti dispiaccia ma lo adoro e credo che lo farò presto!!! Baci :)

    RispondiElimina
  14. dispiacermi? Tutto il contrario mi rende molto felice vedere che provate le mie ricette e ne rimaniate entusiasti ;).

    RispondiElimina